4 OTTOBRE 2015 - Barbara Miele, SUONI DI LUCE

Rappresentare uno dei cinque sensi - l’udito – tramite l’armonia della musica e gli strumenti che la generano, utilizzando un altro dei cinque sensi - la vista - attraverso la scrittura con la luce.
Nasce con questo obiettivo il lavoro di Barbara Miele, fotografa amatoriale alla sua prima esperienza espositiva ma con una passione di lunga data per la fotografia. L’idea scaturisce dall’amore altrettanto grande per la musica classica, che le ha ispirato le immagini del progetto SUONI DI LUCE, realizzate presso la Scuola Civica di Liuteria di Milano.
SUONI DI LUCE è un viaggio in bianco e nero nel mondo della musica, che trova negli strumenti ad arco la sua espressione più raffinata. Ecco quindi l’esigenza di dare forma all’impalpabilità dei suoni cristallizzandoli attraverso le immagini degli strumenti che la generano, partendo dal certosino lavoro dei liutai fino ad arrivare ai virtuosi dell’archetto che ne estraggono l’anima.
Due sensi, una sola emozione.