6 Ottobre 2019 A. SPIGA - RETRATTOS

RETRATTOS
ABITI E VOLTI DELLA SARDEGNA

 

“A bo' lu tiramus unu retrattu - vi scattiamo una fotografia?" Fino a un secolo fa questa domanda era capace di scatenare un profondo trambusto nelle famiglie. Si abbandonavano le mansioni quotidiane, ed era tutto un prepararsi (veloce e meticoloso) per la fotografia, "su retrattu", che poi sarebbe stata messa in mostra nel l'angolo migliore della casa: magari circondata da ninnoli e incorniciata, non importa se a caro prezzo.
Alessandro Spiga, fotografo cagliaritano, ha recuperato l'aura intensa e composta di questi antichi scatti, per restituire a volti e abiti l'orgoglio e la fierezza, spesso smarriti in nome di una volgare idea di "spettacolo folkloristico".
Il suo lavoro, suggestivo e di forte potenza visiva, è andato oltre al compito dei fotografi di inizio del ‘900, studiando luci ed ombre, lasciandosi influenzare dalla pittura rinascimentale e fiamminga con la quale i soggetti di “Retrattos” condividono la voluminosità degli abiti e i drappeggi dei tessuti. Ci troviamo così davati a scene, raccontate da un fotografo che opta per scelte da pittore e si diverte nei dettagli, che ci riportano indietro nel tempo mantenendo una forte originalità. Questo ha reso il progetto meritevole di riconoscimenti importanti; nel 2015 infatti, lo scatto “Lo specchio del tempo”, ritraente una vedova di Gonnesa illuminata dalla luce di una candela, ha raggiunto la finale della categoria Arte e Cultura ai Sony World Photography Awards del 2015.

 (leggi comunicato stampa in PDF)

 

19 settembre 2019 - 15° Villa Marazzi Photo Festival

VILLA MARAZZI PHOTO FESTIVAL 15° EDIZIONE

 

nella Sala delle Carrozze di Villa Marazzi, a Cesano Boscone, verrà presentata la

15a  edizione del Villa Marazzi Photo Festival,  una rassegna di audiovisivi fotografici - immagini supportate da una colonna sonora -  selezionati tra le novità dei migliori produttori italiani che affrontano tematiche molto diverse fra loro che spaziano dai racconti di viaggio a temi sociali e naturalistici, alla contemplazione, all’interpretazione di un sentimento, al racconto spiritoso….

Saranno proiettati i seguenti audiovisivi:

La misura del tempo di Paolo Grappolini - Impruneta (Fi)

Bankers di Giuliano Mazzanti - Pianoro (Bo)

Oggi e/è domani di Federico Palermo - Torino

I bambini della colla di Carla Fiorina e Michelle Gardner – Torino

Tre storie d’amore di Massimiliano Falsetto - Ghedi (Bs)

Tutto intorno l’inverno di Enrico Romanzi – Aosta

10 e 25 di Stefano Marcellini - Anzola Emilia (Bo)

Impression Vincent&friends di Gabriella Mecchia – Genova

Fragili di Bruno Mezzadri - Salsomaggiore Terme (Pr)

Cuori di neve di Walter Turcato - Rho (Mi)

Libera di Donatella Tormene e Massimo Santinello – Padova

China Emotion di Fabio Cardano - Galliate (No)

 (leggi comunicato stampa in PDF)

 

16 Giugno 2019 JOE OPPEDISANO PORTRAIT

PORTRAIT

 

Joe Oppedisano ha piena consapevolezza che è stato proprio l’avvento della Fotografia tra le arti figurative a contaminare per sempre i linguaggi figurativi, a fonderli tra loro: una ibridazione permanente, ormai. L’evoluzione della forma e le oscillazioni del gusto, la reciprocità delle sperimentazioni formali condurranno in avanscoperta l’esploratore che vorrà avventurarsi nell’incerto viaggio della continuità sperimentale connaturata alla Fotografia.


                                                                                                                             Renzo Margonari

 (leggi comunicato stampa in PDF)

 

7 Aprile 2019 ANDREA GASPARRO ANIME PERSE

ANIME PERSE

 

Il progetto nasce alla fine del 2016 con l'esigenza nuova di coniugare il mio modo di osservare la solitudine urbana con la gestione di un colore adatto, secondo il mio punto di vista, allo scopo. Dai lavori quindi in un B/N duro come le Gabbie Cittadine e gli Istanti Diacronici (che mi hanno caratterizzato negli ultimi anni e che sono stati presenti in molte mie Mostre dal 2006 in poi) sono passato alla ricerca e poi all'uso personale del Colore che mi permettesse di trasmettere il mio modo di percepire i luoghi e le situazioni in una visione onirica e fuori dagli standard usuali.

 (leggi comunicato stampa in PDF)